studio di Rimini

Dott.ssa Loretta Bezzi

Studio di Pesaro

Dott.ssa Loretta Bezzi

previous arrow
next arrow
Slider

Servizi Clinici

 

Psicoterapia cognitivo-comportamentale individuale

La terapia cognitivo-comportamentale è nata negli Stati Uniti negli anni sessanta, con l’avvento del cognitivismo e l’evoluzione teorica ed empirica delle terapie comportamentali, che iniziarono a nascere negli anni cinquanta. La psicoterapia cognitivo-comportamentale ha due fondatori: Albert Ellis e Aaron Beck. Entrambi erano di formazione psicoanalitica, ma insoddisfatti  della concezione psicoanalitica della mente e dagli scarsi risultati ottenuti con i pazienti. Questo approccio cognitivo-comportamentale è una disciplina scientifica, validata e suffragata da numerosi studi scientifici, per la cura in tempi brevi di numerosi disturbi:

depressione e disturbo bipolare

ansia, fobie, attacchi di panico, ipocondria

ossessioni e compulsioni

anoressia, bulimia, disturbi del comportamento alimentare

cefalee, stress, disturbi psicosomatici

disturbi sessuali

dipendenze patologiche

disturbi del sonno, insonnia

comportamento impulsivo, aggressività, rabbia

La terapia cognitivo-comportamentale aiuta ad individuare i pensieri ricorrenti, gli schemi fissi di ragionamento e interpretazione della realtà collegati a persistenti emozioni negative percepite come sintomi. Vengono modificate anche le relazioni fra le situazioni e le reazioni emotive e comportamentali mediante l’apprendimento di nuove modalità di reazione.

Psicoterapia individuale sistemica

Questo approccio è particolarmente indicato nel trattamento delle difficoltà nello stabilire e mantenere relazioni, nei problemi di conflittualità familiare e di coppia quando il partner non è disposto ad intraprendere una terapia di coppia, nei casi di problemi nel lavoro, scolastici e di studio legati alle relazioni.

Psicoterapia di Coppia cognitivo-comportamentale e sistemico-relazionale

La psicoterapia di coppia aiuta i partner a salvaguardare la propria relazione; non è utile  solo alle coppie con gravi problemi relazionali (già  in fase critica), ma può essere auspicabile anche a quelle coppie con una buona relazione, allo scopo di migliorarne la comunicazione, prevenirne i futuri conflitti, conservare la coppia in una relazione armoniosa, al fine di rafforzare fra loro il vincolo e per conoscersi meglio. Purtroppo molte persone vivono rapporti insoddisfacenti, perché hanno paura di mettersi in gioco e restano nell’infelicità, piuttosto che provare a cambiare le cose con una terapia di coppia. Altre coppie, invece,  hanno consapevolezza del proprio disagio e ciò le spinge a maturare una richiesta di aiuto che consenta di intraprendere un percorso terapeutico insieme.

La terapia di coppia richiede dei prerequisiti, ovvero che entrambi siano orientati a preservare la coppia e che nella storia della coppia i dissidi, le conflittualità non rappresentino l’elemento più ricorrente ( i tempi, i periodi positivi e di benessere devono superare quelli di malessere). Nelle prime sedute con una coppia viene valutato questo aspetto, per procedere poi con una vera e propria terapia di coppia.

In terapia di coppia l’attenzione viene focalizzata sulla relazione e sui cambiamenti che possono essere ad essa apportati. Lo scopo principale è superare la crisi, recuperare un’intesa affinché si possa vivere la relazione in modo nuovo, più costruttivo e soddisfacente. Le coppie sia etero che omosessuali vengono aiutate ad affrontare i propri conflitti. Nei casi estremi si aiuta nella decisione di separarsi, dopo aver ponderato attentamente la scelta con consapevolezza. La consapevolezza aiuta a “separarsi bene”, senza conflitti e ripercussioni negative sui figli.

La terapia di coppia aiuta a:

  1. chiarire le problematiche, per identificare gli obiettivi terapeutici;
  2. individuare le difficoltà di interazione presenti nella coppia;
  3. acquisire nuovi modi di relazionarsi con l’altro, che promuovano il cambiamento per il benessere della coppia.

La terapia di coppia è indicata nei seguenti casi:

  1. problemi di comunicazione
  2. disaccordo sull’educazione dei figli
  3. differenze culturali
  4. abuso e violenza domestica
  5. difficoltà economiche che si ripercuotono sulla relazione
  6. infedeltà
  7. divorzio e separazione
  8. lotte di potere e conflitti
  9. problemi sessuali
  10. dipendenze affettive
  11. delusione e frustrazione
  12. problemi di gestione delle emozioni come la rabbia e la gelosia

Talvolta anche i cambiamenti nel ciclo di vita ( matrimonio, nascita di un figlio, perdita del lavoro, relazioni con le famiglie d’origine, pensionamento, malattie e lutti) possono essere destabilizzanti.

Gli obiettivi di una terapia di coppia di solito sono:

  1. migliorare la comunicazione efficace;
  2. addestrate alla risoluzione dei problemi,
  3. acquisire consapevolezza dei propri schemi mentali, atteggiamenti, modalità soggettive di pensiero e su come questi influiscano sulle proprie emozioni, comportamenti, convinzioni, aspettative controproducenti, irrazionali e distruttive nella relazione;
  4. incrementare l’interscambio di condotte positive;
  5. aumentare il livello di autostima nei componenti della coppia,
  6. aiutare ad acquisire e mantenere una maggiore conoscenza delle emozioni del partner;
  7. apprendere ad identificare, capire ed esprimere meglio le proprie emozioni, nonché gestirle in modo più appropriato.

In terapia di coppia viene riconosciuto il significato del disagio o del sintomo contestualizzandolo nella fase del ciclo di vita in cui si manifesta. Vengono individuate le regole della relazione di coppia, narrata la storia personale dei singoli membri e di quella dello loro famiglie d’origine. Vengono modificate le regole rigide e ripetitive che creano disagio e si fa leva sulle risorse e sulle potenzialità dei partner.

Le sedute di terapia di coppia hanno la durata di un’ora, possono essere settimanali o quindicinali, a seconda delle situazioni e del grado di conflittualità. Le prime due/tre sedute sono diagnostiche, servono al terapeuta per capire il funzionamento della coppia, nonché quei cambiamenti che hanno creato instabilità e conflitti; per spiegare in cosa la terapia può essere utile e se è il caso di intraprenderla, vengono indicate le modalità, i costi, i tempi della terapia di coppia.

 

Psicoterapia di Gruppo

 

Psicoterapia Familiare Sistemico-relazionale

 

Psicoterapia Cognitiva dell’Età evolutiva ( infanzia e adolescenza)

 

Psicoterapia DBT per i Disturbi di Personalità

 

Psicoterapia dei disturbi sessuali o psicosessuologia clinica

 

Mediazione familiare sistemica

 

Gruppi di Training di crescita personale

Questi training aiutano a sviluppare al maglio le proprie capacità e potenzialità, aiutano a conoscersi, affermare se stessi ed esprimersi  con maggiore sicurezza. Sono utili per superare momenti critici e stressanti del ciclo di vita, sono i seguenti:

Training Autostima

E’ un training per giovani e adulti che vogliono migliorare il proprio benessere psicologico, poiché qualità come la sicurezza di sé, l’autostima, l’autoimmagine positiva e l’amore per se stessi si possono sviluppare anche nell’età adulta. L’atteggiamento generalizzato verso se stessi positivo (autostima) o negativo (disistima) si può cambiare.

L’autostima è correlata alla sicurezza, nel senso positivo del termine e cioè alla sicurezza nelle proprie capacità mentali e/o fisiche, all’essere ben accettato o addirittura ammirato dagli altri. Chi si accetta  può vivere in armonia con i suoi sforzi, con la sofferenza e anche con l’autocritica o la critica che viene dagli altri.

Ancora, all’autostima si associano termini che hanno a che fare con le emozioni, positive o negative, ovvero sentirsi bene o soddisfatti oppure ansiosi o depressi.

Il corso è utile anche per migliorare la propria efficienza nel lavoro (autostima specifica), oltre che  le proprie emozioni negative vs emozioni più positive.

Obiettivi:

– Aiutare la persona a vivere meglio e a migliorare il benessere psicologico ;

– Migliorare la sicurezza in se stessi, l’autostima, l’autoimmagine e l’amore per se stessi;

– Diventare più efficienti nel lavoro e più efficaci nel rapporto con il/la tuo partner, famiglia, amici;

– Entrare in “sincronia” con se stessi, perché essere in sincronia significa trarre il massimo da se stessi.

Contenuti:

  1. L’atteggiamento giusto per entrare in “sincronia con se stessi”: come svilupparlo
  2. Stare bene con se stessi e con gli altri: come e da dove partire
  3. Come arrivare a capire i nostri bisogni
  4. Come inviare e recepire i segnali comunicativi giusti, per sincronizzare la nostra personalità
  5. Come diventare più competenti, cioè più efficienti nel lavoro e più efficaci nel rapporto con il /la tuo partner, famiglia, amici

Durata: 5 incontri di gruppo o individuali

Metodologia:

Il Gruppo di Training ha una durata di 5 incontri di 3 ore. Gli incontri comprendono una prima parte teorica e una seconda parte pratica. In quest’ultima parte viene utilizzata la tecnica del “gruppo di discussione o di apprendimento” sui contenuti esposti. Questo programma rientra nel campo della Psicologia Applicata e si rifà sia  all’approccio Cognitivo-Comportamentale che all’approccio Sistemico-Relazionale.

Numero partecipanti: massimo 10-15 persone

Training Pensiero Positivo

E’ un training di crescita personale per giovani e adulti per migliorare il benessere psicologico, neutralizzare l’abitudine a pensare in negativo e a pensare “mi arrendo”, cambiare il dialogo interiore per approdare ad un appagante equilibrio mentale e per individuarne gli effetti sulla qualità della vita.

Il training parte dal presupposto che l’ottimismo si può apprendere, il fondamento teorico che guida il corso è quello di  Martin Seligman  e il suo concetto di  “impotenza appresa”; si è scoperto che l’ “impotenza appresa” sia  la determinante di alcune forme di ricadute depressive e dell’atteggiamento generale che alcune persone hanno di porsi di fronte al mondo e alle sue avversità.

Obiettivi:

Neutralizzare l’abitudine a pensare negativo e a pensare “mi arrendo”; Cambiare il dialogo interiore per approdare ad un appagante equilibrio mentale; – Riconoscere lo “stile esplicativo”, quello che diciamo a noi stessi di fronte alle avversità, per individuare gli effetti sulla qualità della vita; – Migliorare l’umore e prevenire la depressione.

Contenuti:

  1. Le modalità di pensiero efficace per raggiungere il benessere fisico e psicologico (1° incontro)
  2. Come riconoscere quello che diciamo a noi stessi di fronte alle avversità (stile esplicativo) e come individuarne gli effetti sulla qualità della vita per migliorarla (2° incontro)
  3. Come neutralizzare l’abitudine a pensare negativo e a pensare “mi arrendo” (3° incontro)
  4. Come cambiare  il “dialogo interiore” per raggiungere un appagante equilibrio mentale e come cambiare la vita cambiando il pensiero (4° e 5° incontro)

Durata: 5 incontri di gruppo o individuali

Metodologia:

Il Gruppo di Training ha una durata di 5 incontri di 3 ore. Gli incontri comprendono una prima parte teorica e una seconda parte pratica. In quest’ultima parte viene utilizzata la tecnica del “gruppo di discussione o di apprendimento” sui contenuti esposti. Questo programma rientra nel campo della Psicologia Applicata e si rifà sia  all’approccio Cognitivo-Comportamentale.

Numero partecipanti: massimo 10-15 persone

Training Comunicazione Assertivae

Il training è rivolto a giovani e adulti che vogliono migliorare il proprio benessere psicologico ed insegna ad esprimersi in modo efficace, in modo da rendere i rapporti con gli altri più equi, evitando quella sensazione di umiliazione che si prova quando non si riesce ad esprimere ciò che si vuole veramente.

Verranno date informazioni di base e specifiche procedure da seguire per raggiungere lo scopo della comunicazione assertiva.

Diventare assertivi migliora il benessere fisico e psicologico e gli studi hanno dimostrato che alcuni disturbi fisici come mal di testa, spossatezza, disturbi digestivi, eruzioni cutanee, asma, possono essere correlati all’incapacità di sviluppare un comportamento assertivo.

Obiettivi:

– Attivare reazioni assertive, che aiutano a ridurre l’ansia che si può provare nelle relazioni con gli altri;

– Affermare i propri diritti, per ridurre lo stress;

– Migliorare la propria autostima e la sicurezza in se stessi attraverso la comunicazione assertiva.

Contenuti:

  1. Come imparare a farsi rispettare senza prevaricare gli altri: scoprire l’assertività (1° incontro)
  2. Come diventare assertivi (2° e 3° incontro)
  3. Come imparare a prendere posizione (4° incontro)
  4. Come mettere in pratica la propria assertività (5° incontro)

Durata: 5 incontri di gruppo o individuali

Metodologia:

Il Gruppo di Training ha una durata di 5 incontri di 3 ore. Gli incontri comprendono una prima parte teorica e una seconda parte pratica. In quest’ultima parte viene utilizzata la tecnica del “gruppo di discussione o di apprendimento” sui contenuti esposti. Questo programma rientra nel campo della Psicologia Applicata e si rifà sia all’approccio Cognitivo-Comportamentale.

Numero partecipanti: massimo 10-15 persone

Training Comunicazione, Relazioni Umane e Leadership

E’ un training per dirigenti, manager, professionisti  mirato a sviluppare al meglio le relazioni interpersonali, dal momento che il successo nel lavoro, oltre che alle capacità e competenze professionali è in gran parte legato alle abilità relazionali del singolo.

Le abilità relazionali di leadership sono fondamentali per stabilire una buona relazione con i propri collaboratori, tanto che la qualità della  prestazione che possiamo trarre dagli altri dipenderà un larga misura dal grado di rapporto che sapremo stabilire con essi.

Il programma rientra nel campo della Psicologia del Lavoro e della Psicologia Applicata alle Organizzazioni e si rifà ad un Approccio Integrativo fra modello Sistemico-Relazionale e applicazioni della PNL (Programmazione Neurolingiustica) nei settori dello sviluppo organizzativo e delle imprese.

Obiettivi:

–  Migliorare la capacità relazionale e la comunicazione nel proprio ruolo di “capi”;

– Apprendere a gestire le persone in modo più efficace e a svilupparne i potenziali;

– Imparare a gestire i conflitti interpersonali e a negoziare; – Imparare a motivare e a delegare.

Contenuti:

– Abilità di comunicazione e di meta comunicazione;

– Comunicazione interpersonale e leadership: come esercitare abilità di comunicazione efficaci;

– Leadership efficace: elementi e abilità fondamentali della leadership;

– Leadership, creatività e problem-solving;

– Leadership e delega;

– Gestione delle risorse umane di fronte a situazioni complesse;

– Strategie di “Time Management” per una migliore gestione del tempo nel lavoro;

– Gestione dei conflitti interpersonali e negoziazione: gestione delle difficoltà con i colleghi e gli utenti.

Durata: 6 incontri di gruppo

Metodologia:

La metodologia didattica nella conduzione del corso è quella assertiva e interattiva, i contenuti del corso verranno proposti con semplicità espositiva e calati nella realtà concreta. Verranno forniti strumenti e strategie da applicare anche a situazioni reali proposte dai partecipanti, in un’ottiva di formazione-consulenza di gruppo. Sarà possibile, su richiesta di ciascun partecipante, la consulenza e l’affiancamento individuale su tematiche di approfondimento di interesse individuale e di piccolo gruppo (2-3 persone).

Numero partecipanti: massimo 10-15 persone

Training di tecniche per fronteggiare l'ansia e la depressione

Il training è rivolto a giovani e adulti che vogliono migliorare il proprio benessere psicologico, imparando a fronteggiare e gestire le emozioni negative (ansia e depressione). E’ indicato e volto a prevenire le ricadute nell’ ansia generalizzata e negli attacchi di panico, nonché la depressione reattiva.

Obiettivi:

– Aiutare la persona a vivere meglio e a migliorare il benessere psicologico;

– Conoscere tecniche per prevenire e reagire di fronte alle avversità e alle emozioni negative (ansia e depressione);

– Uscire dal pensiero negativo e automatico.

Contenuti:

  1. Quale significato ha l’ansia e la depressione in ciascuno di noi: da dove partire ( 1° incontro)
  2. Come agiscono i pensieri automatici che ci portano all’ansia e alla depressione e come dominarli (2° e 3° incontro)
  3. Come gestire la propria vita per uscire dall’ansia e dalla depressione (4° e 5° incontro)
  4. Come dominare l’ansia e la depressione apprendendo tecniche ed esercizi ( 6°, 7° e 8° incontro)

Durata: 8 incontri di gruppo o individuali

Metodologia:

Il Gruppo di Training ha una durata di 8 incontri di 3 ore. Gli incontri comprendono una prima parte teorica e una seconda parte pratica. In quest’ultima parte viene utilizzata la tecnica del “gruppo di discussione o di apprendimento” sui contenuti esposti. Questo programma rientra nel campo della Psicologia Applicata e si rifà sia  all’approccio Cognitivo-Comportamentale.

Numero partecipanti: massimo 10-15 persone

Training di tecniche antitress

Questo training si può collocare all’interno di un orientamento che privilegia l’importanza di sviluppare le abilità di fronteggiamento dello stress in funzione terapeutica. Infatti i suoi presupposti teorici si rifanno alla procedura e tecnica SIT (Stress Inoculation Training) di Donald Michembaum.

Il SIT si inserisce in una logica di prevenzione, già il suo nome richiama la pratica a tutti nota delle “vaccinazioni” (inoculazione dello stress in piccole quantità).

Con questa tecnica l’individuo sviluppa le proprie risorse e le capacità di gestione dello stress facendo impiego di esposizioni e ripetizioni in un contesto ( durante il training) assistito e protetto.

Obiettivi:

– Sviluppare capacità che possono essere utili per affrontare situazioni stressanti nel modo meno doloroso e traumatico possibile;

– Sviluppare abilità di fronteggiamento dello stress in funzione terapeutica (lo stress ripetuto può indurre la comparsa di sintomi);

– Acquisire strategie comportamentali e cognitive che possono essere usate per gestire vari tipi di situazioni problematiche;

– Apprendere ad analizzare la realtà e ad interagire poi realisticamente ed efficacemente.

Contenuti:

  1. L’esperienza di stress: riconoscerla e valutarla. (1° incontro)
  2. Le abilità di fronteggiamento dello stress (2° incontro)
  3. Le strategie cognitive e l’autodialogo guidato nel fronteggia mento dello stress (3° incontro)
  4. La gestione del tempo e il fronteggiamento dello stress (4° incontro)
  5. Il Problem-Solving nel fronteggiamento dello stress (5° incontro)

Durata: 5 incontri di gruppo o individuali

Metodologia:

Il Gruppo di Training ha una durata di 5 incontri di 3 ore. Gli incontri comprendono una prima parte teorica e una seconda parte pratica. In quest’ultima parte viene utilizzata la tecnica del “gruppo di discussione o di apprendimento” sui contenuti esposti. Questo programma rientra nel campo della Psicologia Applicata e si rifà sia all’approccio Cognitivo-Comportamentale.

Numero partecipanti: massimo 10-15 persone

Cliccare sulle tematiche per visualizzare i corsi disponibili.

Per partecipare ad uno dei nostri corsi, è necessario compilare il seguente questionario-corsi 

 

EMDR per l’elaborazione dei traumi psicologici

 

Valutazione Psicodiagnostica e orientamento psicoterapeutico

 

Consulenze Psicologiche a Privati e ad Enti, anche on line via Skype o telefonica

 

Psicologia Giuridica e Mediazione Familiare

 

Benessere Psicologico e Crescita Personale

– Relazioni efficaci, gestione delle emozioni e dei conflitti

– Tecniche di comunicazione, autocontrollo e assertività

– Consapevolezza, gestione dello Stress, Mindfulness

– Crescita personale, Sviluppo delle potenzialità

 

 

Questo sito utilizza cookie, ma solo in forma anonima e per aiutarci a capire qualcosa in più sulle persone che vengono a farci visita. Se vuoi saperne di più, puoi leggere nel dettaglio la nostra Cookie Policy. Cliccando "Accetto", consenti l'uso di TUTTI i cookies. Leggi Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi